«

»

Sostituzione completa dell’aorta : in alcuni casi (pochi) si puo’ fare!!!

E’ possibile sostituire l’aorta “in toto” (aorta ascendente, arco aortico, aorta toracica discendente ed aorta addominale)?

A questo interrogativo risponde un importante lavoro scientifico pubblicato dal prof. Pasquale Mastroroberto,Chirurgo Cardiovascolare dell’Università Magna Graecia di Catanzaro, sulla rivista internazionale Interactive Cardiovascular and Thoracic Surgery (all.).

In questo articolo viene descritto il caso clinico di un paziente affetto da aneurisma dissecante dell’aorta di tipo A sottoposto nel 2007 alla sostituzione dell’aorta ascendente con intervento chirurgico in emergenza, in circolazione extracorporea ed arresto di circolo. A distanza di 3 anni la progressione della malattia ha imposto un nuovo trattamento, questa volta mini-invasivo, a livello anche dell’arco aortico e dell’aorta toraco-addominale sino all’origine delle arterie renali mediante posizionamento per via endovascolare, attraverso una delle due arterie femorali, di ben 4 protesi  (“bar stent ballloon expandable”). Queste protesi sono costituite da una rete cilindrica d’acciaio che viene espansa con un palloncino fino ad aderire alle pareti dell’aorta, in modo da tenerle espanse e fissate fra di loro ricostituendo così l’integrità della parete del vaso. La genialità dell’idea di questa protesi è rappresentata dalla sua costruzione in rete a maglie larghe che permette di essere utilizzata in zone particolarmente delicate dell’aorta da cui partono le arterie destinate al cervello (arco aortico),le arterie che irrorano il midollo spinale (aorta toracica discendente) e le arterie del circolo splancnico (aorta addominale)  senza impedire il passaggio del sangue diretto a tutti questi distretti. Al contempo viene riparato lo “slaminamento” della parete aortica (dissecazione) senza necessità di interventi di sostituzione, che in questi segmenti di aorta sono particolarmente delicati proprio per la presenza delle arterie suindicate.

E’ utile sottolineare che questo trattamento presenta indicazioni limitate e che i pazienti devono essere selezionati accuratamente presso Centri con esperienza nel trattamento delle patologie aortiche.

Fig.1 TAC preoperatoria che evidenzia la presenza di dissecazione a carico dell’arco aortico e dell’aorta toraco-addominale

 

Fig.2  TAC postoperatoria con le protesi in sede e completa risoluzione della patologia aortica (aneurisma dissecante)

Consulta Articolo